Fuga dal Natale

Chi di voi non ha mai sognato di “evitare” il Natale con tutti i festeggiamenti, regali da fare, cene e pranzi da prepare per poi fuggire per una crociera ai Caraibi?

Così i protagonisti Luther (fantastico Tim Allen) e Nora (poliedrica Jamie Lee Curtis) approfittano del fatto che la figlia sia via, per NON festeggiare il Natale, reinvestendo il denaro risparmiato nella vacanza in programma.

Se in Italia ci limitiamo infatti a qualche lucetta qua e là, in America è un tripudio di luminarie, affisse persino sul tetto delle case in stile “Natale a Suon di Luci“, con fantasiose idee sempre più originali per gareggiare al quartiere meglio addobbato. Ed è proprio in nome della tradizione che tutto il quartiere cercherà di boicottare la loro crociera di Natale, con insistenti inviti a sistemare luminarie,  addobbare l’albero, oltre a prestarsi alla consueta offerta economica al coro della chiesa o alla squadra di polizia del quartiere come sempre fatto negli anni passati.

I due attori sono tra i miei preferiti (Tim Allen è il protagonista della divertente serie “L’uomo di casa” e Jamie Lee Curtis da “Un pesce di nome Wanda“, tanto per citarne uno) e seppur non condivida il loro rinunciare al Natale per fini economici, in realtà lo salterei anche io per evitare queste succulente feste ricche di cibo: una vera maratona di antipasti, tris di primi, carne, pesce e fritto misto, come se dovessimo andare in letargo per l’inverno.

E se questa Vigilia di Natale sparissimo davvero anche noi senza avvisare nessuno, cosa accadrebbe?
Parenti con i piedi sotto tavole imbandite con candele ormai consumate in attesa del nostro arrivo, ansiosi di ricevere regali che non arriveranno mai, pronti ad urlare TOMBOLA anche se nessuno ha mai fatto TERNO o CINQUINA.
Ma soprattutto MAMMA vestita di grembiule delle grandi occasioni, in posizione antisommossa davanti alla porta di casa, con gli occhiali sulla punta del naso, brandendo il cellulare con entrambi le mani, nel tentativo di far partire la chiamata. Ecco solo questa ultima scena mi ha fatto perdere voglia di scappare.

Il finale di questo film, ricco di colpi di scena, assomiglia un pochino a noi: brontoliamo tanto per i festeggiamenti ma alla fine siamo le prime a indossare il grembiule, farcire il pandoro al mascarpone e cioccolato, cercando di compiacere i nostri cari.

Per cui, Felice Natale a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.